Acustica - VIAC, comunicazioni, domande autorizzazione in deroga

Ultima modifica 20 agosto 2021

Descrizione
L'obiettivo principale di una politica di controllo del rumore nei suoi diversi aspetti è quello di mantenere l'esposizione al rumore quanto più bassa possibile, tutelando la salute e il benessere della popolazione. Gli obiettivi specifici di una tale politica sono lo sviluppo di criteri di salvaguardia dall'esposizione al rumore e la promozione della valutazione del rumore come parte del processo di salvaguardia della salute dei cittadini. Pertanto, qualora si voglia intraprendere attività classificate come rumorose (permanenti o temporanee) occorrerà rispettare le modalità ed i limiti stabiliti dalle vigenti normative come di seguito riportato.

 

Requisiti - (A chi è rivolto)
Attività rumorose a carattere permanente ovvero:

  • Qualsiasi attività che non abbia carattere di temporaneità, incluse le attività temporanee ma ripetitive che abbiano una durata superiore a 60 giorni per anno (con l’esclusione dei cantieri edili, stradali e assimilabili). Le attività rumorose di carattere permanente sono quelle attività che sono ubicate stabilmente e che si svolgono con uso di impianti o attrezzature potenzialmente rumorosi. Sono escluse le attività di tipo domestico e condominiale.

Attività rumorose Temporanee ovvero:

  • Qualsiasi attività che si esaurisce in periodi di tempo limitati e/o legata ad ubicazioni variabili, quali:
    • spettacoli itineranti;
    • manifestazioni musicali e di intrattenimento;
    • manifestazioni popolari,
    • cantieri edili e stradali;
    • altre attività non continuative.

 

Modalità di presentazione della domanda (a chi presentare la domanda)

Attività rumorose a carattere permanente (ufficio SUAP):

  • Presentazione documentazione, con le modalità previste dal DGRT 857/2013 o dal DPR 59/2016, in allegato all’atto abilitante espresso o Segnalazione Inizio Attività o atto equivalente.

Attività rumorose Temporanee consistenti in spettacoli itineranti, manifestazioni ed eventi in genere, cantieri edili e stradali ed altre attività rumorose (ufficio AMBIENTE):

 

Tappe del procedimento, tempi e documentazione da presentare

Attività rumorose Permanenti (Suap):

  Riferimenti normativi: Regolamento acustico approvato con D.C.C. n.34 del 27/03/2008 e modificato con D.C.C. n.21 del 29/04/2013
art.3, comma 1) Allegato 1 - DOCUMENTAZIONE DI VALUTAZIONE IMPATTO ACUSTICO
art.3 bis, penultimo comma Allegato 1BIS - Attività a carattere permanente diverse dalle PMI – assenza di apparecchiature rumorose - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ
art.3 bis, punti 1), 2), 3) e 4)

Allegato 1TER - Attività a carattere permanente delle PMI - Dichiarazione ai sensi dell’art. 4, comma 1 e 2 DPR 19/10/2011 n. 227, concernente l’esclusione dall’obbligo di presentazione della documentazione di impatto acustico di cui all’art. 8, comma 2 e 4, della Legge 26 ottobre 1995 n.447, per le Piccole e Medie Imprese (PMI) - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ

 

Attività rumorose Temporanee:

  Riferimenti normativi: Regolamento acustico approvato con D.C.C. n.34 del 27/03/2008 e modificato con D.C.C. n.21 del 29/04/2013 Tempistiche
(art. 6 p.to 1 ) Allegato 2 - DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IN DEROGA AI LIMITI ACUSTICI DEROGA SEMPLIFICATA

Istanza da presentare almeno 15 gg. prima dall’inizio dell’evento.

(art. 6 p.to 2 ) Allegato 3 - COMUNICAZIONE DI ATTIVITA’ RUMOROSA TEMPORANEA

Per attività inferiori a tre giorni, almeno 7 giorni prima dall’inizio dell’evento

N.B. Il limite dei 3 giorni indicato nella comunicazione di attività rumorosa temporanea è riferito a tutto l'anno. Non è quindi corretto fare più comunicazioni la cui somma dei giorni di attività rumorosa supera 3.

Es: Decido di fare 3 giorni di karaoke nel mio resede per i primi 3 sabati di Aprile e presento la comunicazione di attività rumorosa. L'evento mi piace e successivamente decido di ripeterlo facendo altri 3 giorni anche a Giugno. In questo caso per i successivi 3 giorni previsti per Giugno (che sarebbero in realtà il 4° il 5° e il 6° che svolgo nel mio resede) è necessario contattare un tecnico competente in acustica e richiedere al Comune la deroga acustica. La relazione redatta dal tecnico potrà essere richiamata per i successivi karaoke (anche nei successivi anni) qualora non vi siano modifiche normative e l'evento rumoroso avvenga sempre con le stesse modalità indicate nella relazione acustica.

(art. 7) Allegato 4 - COMUNICAZIONE DI ATTIVITA’ RUMOROSA TEMPORANEA nelle aree previste dal PCCA

Istanza da presentare almeno 15 gg. prima dall’inizio dell’evento

Art. 8 lettera a) Allegato 5 - (Cantieri Edili - - =< 5 giornate lavorative) - COMUNICAZIONE DI ATTIVITA’ RUMOROSA TEMPORANEA

Istanza da presentare almeno 20 giorni prima dell’inizio dell’attività.

Art. 8 lettera b) Allegato 6 - (Cantieri Edili =< 20 giornate lavorative) - DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IN DEROGA AI LIMITI ACUSTICI - DEROGA SEMPLIFICATA

Durata inferiore o uguale a 20 giorni lavorativi: Istanza da presentare almeno 20 giorni prima dell’inizio dell’attività.

Art. 8 lettera c) Allegato 6BIS - Cantieri Edili superiore a 20 giornate lavorative - DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IN DEROGA AI LIMITI ACUSTICI - DEROGA SEMPLIFICATA

Istanza da presentare almeno 20 giorni prima dell’inizio dell’attività

Art. 9 Allegato 7 - DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE IN DEROGA ALLE CONDIZIONI DEL REGOLAMENTO PER ATTIVITA’ RUMOROSA TEMPORANEA – DEROGA ORDINARIA

Istanza da presentare almeno 30 giorni prima dell’inizio dell’attività.

N.B. Ogni allegato contiene l’elenco della documentazione richiesta.

 

Costo per il cittadino Attività rumorose Permanenti:

  • Chiedere maggiori informazioni presso l’ufficio SUAP

Attività rumorose Temporanee:

  • Per le domande di autorizzazione in deroga (Allegato 2, 6, 6bis e 7) n.2 marche da bollo da € 16,00
  • Per le domande di autorizzazione in deroga ordinaria (7): Diritti di istruttoria da corrispondere all’ Azienda USL Toscana Centro per “parere per il rilascio di deroghe ai limiti di rumorosità per attività e manifestazioni temporanee”. Consultare il seguente link per gli importi.

 

 Normativa di riferimento