Logo dell' Ente

Home Comunicati Stampa Palazzo Pretorio, il palazzo dell'arte contemporanea

Palazzo Pretorio, il palazzo dell'arte contemporanea

PDF  Stampa  E-mail 
Palazzo Pretorio 3Sabato 16 marzo 2019 alle ore 16,30, presso la Chiesa dei Santi Tommaso e Prospero in Certaldo Alta, si terrà la conferenza "Palazzo Pretorio nel tempo delle mostre. Dall'Omaggio a Giovanni Boccaccio degli artisti contemporanei al Giardino della Casa da Thè di Nagasawa (1967-2001)". L'iniziativa, organizzata dalla Società Storica della Valdelsa in collaborazione con il Comune di Certaldo, mira a ricostruire, a partire dall'Omaggio degli artisti contemporanei a Boccaccio del 1967, lo stretto rapporto che si è venuto a creare tra uno dei monumenti più insigni di Certaldo – il Palazzo Pretorio – e le diverse espressioni dell'arte contemporanea che si sono realizzate al suo interno in quei primi 35 anni di attività.
I due relatori, Enzo Linari e Sabina Spannocchi della Società Storica della Valdelsa, ripercorreranno infatti le principali esposizioni ospitate nelle sale del Palazzo, tra cui spicca per rilevanza internazionale la mostra antologica dedicata a Charles Rennie Mackintosh nel 1988. Lo snodarsi delle varie attività espositive verrà ricollegato al contesto sociale ed economico, alle politiche culturali, ai rapporti di gemellaggio internazionale ed agli interventi di formazione alle nuove modalità espressive attuate dall'amministrazione comunale di Certaldo. L'esposizione dei relatori si concluderà con l'esame dell'opera il Giardino della Casa da Thè di Hidetoshi Nagasawa realizzata nel 2001, segno emblematico del passaggio di Palazzo Pretorio da prestigiosa sede di mostre temporanee a sede permanente di una significativa opera di arte ambientale. Particolarmente preziose per la ricostruzione degli eventi dei decenni considerati, le testimonianze degli Amministratori certaldesi di quegli anni e di quanti vorranno alimentare con i propri personali ricordi il dibattito finale.
"Il nostro sodalizio è interessato a ricostruire con rigore storico le molteplici trasformazioni avvenute in Valdelsa negli ultimi decenni del cosiddetto secolo breve – spiega Fabio Dei, Presidente della Società Storica della Valdelsa – in questo senso anche la ricezione dei linguaggi dell'arte contemporanea ha certamente contribuito a modificare gli interessi e i gusti di abitanti e turisti, mentre numerose opere di arte ambientale hanno segnato il nostro territorio. Ringrazio quindi gli amministratori di Certaldo per avere organizzato con noi questa iniziativa che sottolinea il ruolo svolto dall'antico palazzo del potere come rilevantissima sede di mostre di arte contemporanea, considerando anche le politiche culturali che hanno favorito tale utilizzo".
"Siamo lieti di organizzare questa iniziativa insieme alla Società Storica della Valdelsa – dice l'assessore alla cultura e al turismo Francesca Pinochi – perché ci dà l'occasione di riflettere sul ruolo di propulsore dell'attività culturale che l'amministrazione comunale ha avuto nella seconda metà del Novecento. Un'azione che, anche di recente, la Giunta ha inteso proseguire su più fronti: su quello della valorizzazione, ad esempio, con la destinazione dell'atrio della Casa di Boccaccio a sede di esposizione per le opere dell'Omaggio; ma anche su quello della sperimentazione contemporanea, come con la Time Capsule di Alan Sonfist. Alle iniziative dal 2001 ad oggi sarà infatti dedicato un secondo incontro, per ripercorrere il percorso artistico che ha visto come protagonista Palazzo Pretorio dagli anni '60 fino ad oggi".
 
fine