Logo dell' Ente

Home Comunicati Stampa "Un'amicizia che nasce da tradizioni comuni e che farà bene a entrambi"

"Un'amicizia che nasce da tradizioni comuni e che farà bene a entrambi"

PDF  Stampa  E-mail 
moldovaL'Italia e la Moldova sono ora più vicine. E' stato siglato ieri sera, il dodici marzo 2018, nella Casa di Boccaccio in Certaldo Alto, il "patto di amicizia" tra il Comune di Certaldo - rappresentato dal Sindaco Giacomo Cucini - ed il Comune di Puhoi - rappresentato dal Sindaco Petru Frunze. Con loro, i cittadini ed i volontari delle associazioni Croce Rossa, Elitropia, Misericordia, Prociv Arci. E poi le autorità locali e moldave: Clara Conforti, Assessore ai gemellaggi del Comune di Certaldo, il neo console onorario della Repubblica di Moldova in Firenze, Alessandro Signorini, certaldese e Tatiana Nogalic, della AssoMoldave in Italia, Lido Orsi dell'Associazione per gli scambi interculturali, persone che si sono adoperate per costruire, in questi anni, il ponte tra le due cittadine. E poi Sergiu Goncearenco, Console generale della Repubblica di Moldova e Sua Eccellenza l'ambasciatrice della Repubblica di Moldova in Italia, Stela Stingaci. Oltre ad una nutrita delegazione del comune moldavo.
Il "patto di amicizia" - protocollo diverso dal gemellaggio, ma altrettanto significativo - nasce in modo quasi casuale, quando alcuni anni fa Alessandro Signorini, medico certaldese attivo anche nella cooperazione internazionale, si occupò di gestire la donazione di un endoscopio messo a disposizione da un'azienda privata all'ospedale di Ungheni, in Moldavia. Da qui sono iniziati gli scambi e le iniziative che hanno portato a Puhoi e ai contatti con l'Ambasciata, fin quando la Repubblica di Moldova ha manifestato l'interesse ad aprire una sede consolare in Toscana e la scelta è caduta su Signorini, che ricoprire a titolo gratuito questo incarico. Ed a favorire la stesura di questo patto di amicizia.
In Toscana vivono oggi circa 6.000 moldavi - su una popolazione totale in patria di 3,6 milioni - due terzi delle quali sono donne impegnate spesso presso famiglie italiane, come collaboratrici domestiche o badanti. Una presenza nutrita grazie anche al doppio passaporto moldavo - rumeno che consente di circolare nella comunità europea in modo agevole. Puhoi è un comune situato nel distretto di Ialoveni e conta circa 5.500 abitanti.
Nel siglare il Patto di Amicizia i sindaci Cucini e Frunze hanno sottolineato che "Questo patto nasce dal basso, da rapporti di amicizia e da affinità territoriali e produttive: Certaldo, paese che ha una lunga tradizione agricola, è oggi noto anche per la sua coltivazione di cipolla, e così Puhoi è oggi una città che produce ed esporta molto vino. L'impegno comune sarà per favorire scambi tra cittadini e associazioni, ma anche iniziative concrete di conoscenza e scambio nei settori economico, turistico e culturale". Un auspicio cui si sono uniti, con i loro interventi, il console onorario Signorini, il console Goncearenco, e l'Ambasciatrice Stela Stingaci.
 
fine