Logo dell' Ente

Notice
Home Archivio notizie Musei aperti e canti di Natale in Certaldo Alto

Musei aperti e canti di Natale in Certaldo Alto

PDF  Stampa  E-mail 
 
ALBEROSarà un Natale all'insegna della tradizione come sempre quello Certaldo, con i presepi nel borgo alto e nel paese basso, il pattinaggio su ghiaccio, i babbo Natale del CCN ConCertaldo che alla vigilia saranno nel centro urbano, e l'immancabile concerto della Corale Certaldese per Santo Stefano.
Domenica 18 dicembre, dalle 9 alle 20, torna la "Fiera di' Boccaccio", il grande mercato del mercoledì che eccezionalmente torna nel centro urbano. A differenza delle solite edizioni, vista la compresenza della pista di pattinaggio e del Villaggio di Natale, i banchi saranno dislocati in via 2 giugno e via XX Settembre. Una variazione che non ha comunque scoraggiato gli operatori, tanto che i 60 posti disponibili sono andati presto tutti esauriti e quindi si annuncia una grande edizione.
 
Sabato 24 dicembre quindi, una vigilia con negozi aperti e pista di pattinaggio sul ghiaccio, in piazza Boccaccio, sempre illuminata e coperta e quindi fruibile anche di notte e in caso di pioggia. La pista è in funzione da mattina fino a tarda sera nei weekend, in orario pomeridiano e fino alle 21 circa da lunedì a giovedì. Tanti espositori di prodotti tipici, enogastronomici e non solo, a fianco della pista, nel "Villaggio di Natale", con idee regalo anche da confezionare sul momento su misura.
 
Lunedì 26 dicembre, alle ore 17.00, nella Chiesa dei Santi Jacopo e Filippo in Certaldo Alto, con ingresso libero, appuntamento con i canti e le arie più celebri del Natale interpretate dalla Corale Certaldese, diretta dal maestro Damiano Santini. Con la Corale, anche la soprano Francesca Becucci. Al pianoforte il maestro Marco Francioli. Un'appuntamento da non perdere.
 
PRESEPI
 
Vari i presepi allestiti nel borgo alto: la Natività – all'aperto e quindi sempre visibile – sul parterre di Palazzo Pretorio e il grande Presepe con statue alte un metro nella Limonaia di Palazzo Giannozzi, a cura della Associazione Centro Storico Certaldo Alto aperto al pubblico, dalle ore 9.00 alle ore 19.00, tutti i giorni (festivi compresi) fino all'Epifania, ingresso libero. Nel chiostro del Museo di Arte Sacra sono esposti tanti presepi che hanno come tema la pace, realizzati dalle scuole di Certaldo; presepi questi ultimi che si possono vedere con l'ingresso al Museo, che è libero per i residenti nel Comune di Certaldo.
Nella parte bassa del paese invece, presso la Misericordia, via Dante Alighieri, il "Presepone", realizzato da un amante di questo genere, Sergio Pratesi, in collaborazione con Renzo Ficozzi, e anche in propositura, nella chiesa di San Tommaso Apostolo, anche se in versione ridotta rispetto al solito a causa dei lavori di ristrutturazione che interessano gran parte dell'edificio.
 
MOSTRE
 
Sempre aperti, con il consueto orario invernale, Palazzo Pretorio e la Casa di Boccaccio: 9.30 – 13.30 / 14.30 – 16.30 (martedì chiuso). Unica variazione d'orario, il primo gennaio, posticipo di un'ora sia dell'apertura che della chiusura, in modo da favorire i visitatori che il primo giorno dell'anno arriveranno sicuramente più tardi. Ingresso, con visita del Sistema Museale di Certaldo, euro 4,00, gratuito per i residenti a Certaldo.
 
Per quanto riguarda mostre ed esposizioni, nella Casa di Giovanni Boccaccio una selezione delle opere della collezione comunale esposte per il ciclo "Omaggio a Giovanni Boccaccio, dieci+1".
La mostra permanente prevede infatti l'esposizione, a rotazione, di alcune delle opere della collezione "Omaggio degli artisti contemporanei a Giovanni Boccaccio".
In mostra le opere dedicate alle novelle della ottava giornata, tra le quali figurano artisti italiani importanti del calibro di Carlo Levi, Raul Soldi, Virgilio Guzzi, Maurizio Bonora, e opere di artisti stranieri come Josef Kaliszan.
 
In Palazzo Pretorio, fino al 7 gennaio, la mostra dell'artista francese Alain Bonnefoit, che dopo 20 anni è tornato ad esporre nelal "sua" Certaldo con "Vive la vie - pittura e altri (amori) di Alain Bonnefoit". Si tratta di una personale che celebra la carriera di questo grande artista: pittore che da una tecnica classica a olio su tavola e tela, è passato poi a tecniche miste, ha guardato all'Oriente con il sumie-e, fino alle recentissime pitture realizzate in digitale su touchescreen e poi trasposte su lastre illuminate. La mostra presenta un vero e proprio tributo alla vita, al connubio della pittura con le altre arti e con i piaceri del vivere. Una mostra che fa parte del progetto espositivo #ilviaggio, che caratterizza la stagione 2016 di Palazzo Pretorio.
 
Con preghiera di diffusione
 
Ultimo aggiornamento ( Martedì 10 Gennaio 2017 10:06 )
 
fine